Badia Polesine

Biblioteca Civica G.G. Bronziero

Responsabile del Settore Cultura: 
dott. Gregorio MARABESE
  
La Biblioteca ha sede in Via Don Minzoni n. 88 - 45021 Badia Polesine


Contatti:  
Orari di apertura al pubblico in vigore dal 2 maggio 2017:
Presidente Biblioteca: Prof. Chiara Mora

Il servizio si occupa di:  
SERVIZIO BIBLIOTECARIO PROVINCIALE
 
Nel 1998 nasce il Servizio Bibliotecario Provinciale con lo scopo di costituire il catalogo unico delle biblioteche della provincia di Rovigo e favorire il prestito interbibliotecario provinciale. 
 
La Biblioteca Civica G.G. Bronziero aderisce al Sistema Bibliotecario Provinciale fin dalla sua nascita. 
 
Il servizio si occupa di: 
    
E’ la biblioteca presso la quale l’utente è iscritto che inoltra la richiesta di prestito alla sede provinciale del Sistema Bibliotecario Palesano e il libro richiesto verrà fornito presso la Biblioteca che ha effettuato la richiesta.
Le modalità di prestito del documento sono le stesse della Biblioteca a cui l’utente è iscritto, fatte salve indicazioni particolari della Biblioteca che possiede il documento.
L’accesso al servizio di prestito interbibliotecario è riservato agli iscritti alla Biblioteca
 
Il catalogo collettivo è accessibile da qualunque postazione Internet tramite i siti: 
   
PATRIMONIO
Il patrimonio librario della biblioteca costituito da oltre 30.000 volumi, è suddiviso nelle seguenti sezioni: 
   
SERVIZI
Per accedere ai servizi della biblioteca è necessario essere iscritti alla Biblioteca.
L’iscrizione viene effettuata gratuitamente presso la Biblioteca e su richiesta dell’interessato. 
 
Consultazione: sono a disposizione degli utenti per la consultazione in sede tutte le opere possedute dalla Biblioteca. 
 
Prestito: ad eccezione delle opere specificatamente destinate alla consultazione in sede (enciclopedie, dizionari, ultimi numeri di periodici,Gazzetta Ufficiale, BUR, Sezione Locale, materiale raro e di pregio) tutto il materiale posseduto dalla Biblioteca può essere concesso in prestito esterno. E’ ammesso il prestito di 4 opere alla volta per un totale di quattro volumi. Il prestito è della durata di 30 giorni, prorogabili di altri 30 su richiesta dell’interessato, fatte salve eventuali prenotazioni. 
 
Prenotazione: è possibile prenotare opere momentaneamente in prestito.
  
INIZIATIVE CULTURALI
La Biblioteca Civica, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, oltre a garantire il servizio di pubblica lettura organizza varie manifestazioni culturali rivolte alle diverse fasce d’età, dai bambini agli adulti. 
La Biblioteca Civica inoltre collabora con le scuole del territorio per la promozione alla lettura e con le associazioni culturali locali per la realizzazione di particolari programmi. 

 
CENNI STORICI
Nel 1969 viene istituita la biblioteca comunale voluta dalla professoressa Marina Guerra, che per tanti anni fu preside alla locale Scuola Media ed aiutata dall’allora arciprete, Mons. Guido Stocco e con il fattivo appoggio del professor Ivan Tardivello, docente della Scuola Media e del Prof. Arturo Rossi, preside dell’Istituto per Ragionieri a Rovigo.
L’istituzione culturale cittadina viene intitolata a Gian Girolamo Bronziero, medico e storico nato a Badia Polesine nel 1577 e morto a Belluno nel 1630. 
La fama di Gian Girolamo Bronziero è legata soprattutto all’opera: Istoria dell’origine e condizioni dei luoghi principali del Polesine, terminata a Belluno nel 1629 ma stampata solo un secolo dopo a cura dell’adriese Giuseppe Bocchi. Questo volume è ancora oggi uno strumento fondamentale per lo studio della storia del Polesine.
La biblioteca trovò ospitalità presso il palazzo Rossi, allora proprietà della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Con l’aiuto economico dello stesso istituto di credito la biblioteca viene arredata e soprattutto si acquistano nuovi libri e quando il patrimonio librario dai fondatori è ritenuto sufficiente per svolgere il servizio di pubblica lettura, il 17 settembre 1972 alla presenza dell’On. Mariano Rumor, viene ufficialmente inaugurata e aperta al pubblico.
La biblioteca, non ha fondo antico considerate le sue recenti origini anche se sono stati recuperati presso l’Archivio Comunale, alcuni importanti catastici della metà del Settecento e i due album più importanti sono stati oggetto di restauro, in particolare uno è stato restaurato presso l’importante laboratorio di restauro del libro antico presso l’Abbazia di Monte Oliveto (Siena), laboratorio di fama internazionale allora diretto dal badiese, padre don Placido.
Oggi dopo oltre trentacinque anni dalla sua istituzione l’importante istituzione culturale cittadina può contare su un patrimonio librario che conta oltre 30.000 volumi ed è punto di riferimento non solo per i badiesi che numerosi la frequentano, ma anche per i cittadini dei comuni limitrofi del basso veronese e della bassa padovana.